Wikipedia:Vocabolario di tarantino

In questa pagina troverete i termini adottati in dialetto tarantino e le convenzioni adoperate, per una migliore comprensione.

Questa pagina è in continuo aggiornamento

ConvenzioniCange

Nella wikipedia tarantina non scriviamo la "ë" (che si ottiene con ALT + 137) che di solito viene scritta per rappresentare la "e" chiusa (schwa, in IPA /ə/). Per saper di più, leggete questa discussione.

Articoli determinativiCange

  • Il = 'U
  • Lo = 'U
  • La = 'A
  • Le = Le
  • I = Le
  • Gli = Le

Articoli indeterminativiCange

  • Un = 'Nu
  • Una = 'Na
  • Uno = 'Nu

Articoli dimostrativiCange

  • Questo = Quìste
  • Questa = Quèste
  • Questi = Chìste
  • Queste = Chìste
  • Quello = Quìdde
  • Quella = Quèdde
  • Quelli = Chìdde
  • Quelle = Chìdde
  • Codesto = Quìste
  • Codesta = Quèste
  • Codeste = Chìste
  • Codesti = Chìste

Preposizioni sempliciCange

  • Di = De
  • A = A
  • Da = Da
  • In = Jindre (in alternativa Inde)
  • Con = Cu
  • Su = Sus
  • Per = Pe
  • Tra = 'Mbrà (in alternativa Mienze o Mmienze, in italiano mezzo)
  • Fra = 'Mbrà (in alternativa Mienze o Mmienze, in italiano mezzo)

Preposizioni articolateCange

  • Del = D'u
  • Dello = D'u
  • Della = D'a
  • Delle = De le
  • Dell' = De l'
  • Degli = De le
  • Dei = De le
  • Per la = P'a
  • Per lo = P'u
  • Per le = Pe le
  • Per gli = Pe le
  • Nella = Jndr'à

Altre ConvenzioniCange

[1]

Pronuncia della vocale (a)Cange

La vocale (a) in penultima sillaba di solito non si pronuncia, ma fa rafforzare il suono della consonante che la precede:

  • 'U cane; il cane.
  • 'A case; la casa.
  • 'A mane; la mano.
  • Pascale; Pasquale.
  • Capurale; caporale.
  • Marangiane; melanzana.
  • Sparpagghiate; sparso.

Però, nei casi in cui la (a) della penultima sillaba si debba pronunciare, è accentata (à):

  • Jè ttàrde; è tardi.
  • 'U Làrie; il Largo, la Piazzetta.
  • Tatarànne; anziano, nonno.

In questo caso evidente, si pronunciano tutte le vocali (a)

Pronuncia della vocale (e)Cange

Se in una parola vi sono una o più (e), va pronunciata, se c'è,solo quella che ha l'accento. Se l'accento è acuto (é) si pronuncerà una (e) stretta; esempio:

  • Pére; pere.
  • Scéve; andavo.
  • Venéve; venivo.

La vocale (è) con accento grave deve esere pronunciata aperta; esempio:

  • Cè vvuè'?; che vuoi?
  • Scennènne; scendendo.

La vocale (e) senza accento, se è congiunzione, si pronuncia:

  • Pascale e Frangische - Pasquale e Francesco.

Pronuncia del gruppo SCKCange

Nel gruppo di consonanti SCK, le prime due SC si pronunciano come nella parola, esempio:

  • «sci », « sciare ».

La K assume un suono singolo e duro; esempio:

  • Sckàffe; schiaffo.
  • Asckuànde; Bruciante, scottante.

NoteCange

  1. Regole adoperate dal poeta tarantino Alenga Longhe

Per saper di piùCange