Leonardo da Vinci: Differenze 'mbrà revisiune

10 byte aggiunde ,  12 anni fa
→‎Le studie de anatomije: 2 c.t. + didascalia
(→‎Le studie de anatomije: 2 c.t. + didascalia)
L'inzaziabbele desiderie de canoscere, de capì tutte quidde ca vedève, purtave Leonardo a esplorà, spesse pe prime, ogne cose. Pure 'u cuerpe umane. Sta maghene perfetta, assaije cchiù comblicate de le maghene sue fatte de 'ngranagge, l'affascinave assaije; vuleve capì ce cose stè jndre, cumme funzione e cè succede quanne se ferme definitivamende cu 'a morte. Pe quiste, apprime a Melàne, a 'a fine d'u [[Quattrecinde]], e pò a Firenze, alle inizie d'u [[Cinghecinde]], se ne scève jndr'à l'obitorie, e ausanne forbice e bisturi tagghiave le cadavere; ninde ninde 30, seconne quande reportane le condemboranee sue. Jndr'à le disegne sue face vedè pure le struminde allore ausate da le chirurge , segue e divaricature. L'anatomije ere angore a le prime passe, le idee sus a 'u cuerpe umane erene assaije confuse. Jidde pò, cu tutte le deritte, essere conziderate 'u fondatore de sta scienze, inzieme almene cu 'u belghe [[Andrea Vesalio]] ([[1514]]-[[1564]]), ca screvìe 'n'opera, ''De humani corporis fabrica'', ca assie jndr'à 'u [[1543]].
 
È notonote l'appuntoappunde susus unaa diune questede sueste esperienze fiorentinefiorendine soje: «questo vecchio, di poche ore innanzi la sua morte, mi disse lui passare i cento anni, e che non si sentiva alcun mancamento ne la persona, altro che debolezza; e così standosi a sedere sopra uno letto nello Spedale di Santa Maria Nova di Firenze, sanza altro movimento o seguito d'alcuno accidente, passò di questa vita. E io ne feci notomia, per vedere la causa di sì dolce morte». <ref>QuadernoQuaderne d'anatomiade anatomije I 13 v</ref>
 
Leonardo studiò anatomiaanatomije injndr'à tre distintiperiode periodidiverse: a MilanoMelàne, tra'mbrà il'u [[1480]] e il'u [[1490]], se ne occupò, interessandosi'nderessandese in particolare deide le [[muscolo|muscolimuschele]] e dellede le [[ossaosse]], in funzione dellad'a propriaproprie attività artisticaartistiche; successivamentecchiù nnande a Firenze, tra'mbrà il'u [[1502]] e il'u [[1507]], sise applicò in particolare dellad'a [[MeccanicaMeccaneche, (fisica)fiseche|meccanicameccaneche]] deld'u corpocuerpe, e infine, dalda 'u [[1508]] ala 'u [[1513]], a MilanoMelàne e a RomaRome, sse inderessò a 'interessòu allostudie studiode deglile organiorgane interniinderne e dellad'a [[circolazione deld'u sanguesanghe]].
 
[[File:Studies of the Arm showing the Movements made by the Biceps.jpg|thumb|right|180px|MovimentoMovimende deld'u bracciovrazze]]
 
[[File:Studies of the Arm showing the Movements made by the Biceps.jpg|thumb|right|180px|Movimento del braccio]]
Leonardo fu il primo a rappresentare l'interno del corpo umano con una serie di disegni; si trattava anche di un modo del tutto nuovo per "guardare dentro" il corpo, rompendo tra l'altro, antichi tabù. Sono centinaia i disegni conservati oggi al castello di [[Windsor]] e di proprietà della regina d'Inghilterra, che visualizzano quello che prima era soltanto descritto a parole e in modo poco chiaro. Scrisse Leonardo: «Con quali lettere descriverai questo core, che tu non empia un libro, e quanto più lungamente scriverai alla minuta, tanto più confonderai la mente dello uditore, e sempre avrai bisogno di sponitori o di ritornare alla sperienzia, la quale in voi è brevissima e dà notizie di poche cose rispetto al tutto del subbietto di che desideri integrar notizia». <ref>Quaderno d'anatomia II 1 r</ref>
 
Utende anonime