Leonardo da Vinci: Differenze 'mbrà revisiune

13 byte aggiunde ,  12 anni fa
Ce l'esperienze face canoscere 'a realtà de le cose, non ge dè però angore 'a necessità razionale de le fenomene, 'a legge ca ète scunnute jndr'à le manifestaziune de le cose: «'a nature ète costrette da 'a raggione d'a leggia soje, ca jndr'à jedde infusamende vive» e «nisciune effette ète de nature senza raggione; indendesce 'a raggione e non ge t'abbesogne de esperienze», jndr'à 'u sienze ca 'na vote ca ce ète combrese 'a legge ca regole quidde fenomene, non ge occorre cchiù ripetere l'osservazzione; l'urtema veritate d'u fenomene ète raggiunde.
 
Le leggilegge checa regolanocumannene la'a naturanature sise esprimonoesprimene medianteausanne la'a matematicamatemateche: «Nissuna umana investigazione si può dimandare vera scienza, s'essa non passa per le matematiche dimostrazioni», <ref>TrattatoTrattate dellad'a pitturapetture, I, 1</ref> restando fermorestanne ilferme principio'u perpringipie ilpu quale «sece tu diraidice checa le scienzescenze, checa principianoacumenzane e finiscanospicciane nellajndr'à mentecape, abbianotènene veritàveritate, questoquiste non sige se concede, ma sise nieganeghe, perpe 'nu sacche moltede ragioniraggione; e primaprime, checa injndr'à talicerte discorsidiscorse mentalimendale non accadege sperienzasuccede esperienze, senzasenze lade qualequedde nullaninde dicertezze de certezza». <ref>ibidem</ref>
 
Il rifiuto della [[metafisica]] non poteva essere espresso in modo più netto. Anche la sua concezione dell'[[anima]] consegue dall'approccio naturalistico delle sue ricerche: «nelle sue [della natura] invenzioni nulla manca e nulla è superfluo; e non va con contrapesi, quando essa fa li membri atti al moto nelli corpi delli animali, ma vi mette dentro l'anima d'esso corpo contenitore, cioè l'anima della madre, che prima compone nella matrice la figura dell'uomo e al tempo debito desta l'anima che di quel debbe essere abitatore, la qual prima restava addormentata e in tutela dell'anima della madre, la qual nutrisce e vivifica per la vena umbilicale» e con prudente ironia aggiunge che «il resto della difinizione dell'anima lascio ne le menti de' frati, padri de' popoli, li quali per ispirazione sanno tutti i segreti. Lascio star le lettere incoronate [le Sacre Scritture] perché son somma verità». <ref>Quaderno d'anatomia IV 10 r </ref>
Utende anonime