Leonardo da Vinci: Differenze 'mbrà revisiune

54 byte aggiunde ,  12 anni fa
 
{{quote|Io credo che invece che definire che cosa sia l'anima, che è una cosa che non si può vedere, molto meglio è studiare quelle cose che si possono conoscere con l'esperienza, poiché solo l'esperienza non falla. E laddove non si può applicare una delle scienze matematiche, non si può avere la certezza.}}
 
Se l'esperienza fa conoscere la realtà delle cose, non dà però ancora la necessità razionale dei fenomeni, la legge che è nascosta nelle manifestazioni delle cose: «la natura è costretta dalla ragione della sua legge, che in lei infusamene vive» e «nessuno effetto è in natura sanza ragione; intendi la ragione e non ti bisogna sperienza», nel senso che una volta che si sia compresa la legge che regola quel fenomeno, non occorre più ripeterne l'osservazione; l'intima verità del fenomeno è raggiunta.
Ce l'esperienze face canoscere 'a realtà de le cose, non ge dè però angore 'a necessità razionale de le fenomene, 'a legge ca ète scunnute jndr'à le manifestaziune de le cose: «'a nature ète costrette da 'a raggione d'a leggia soje, ca jndr'à jedde infusamende vive» e «nisciune effette ète de nature senza raggione; indendesce 'a raggione e non ge t'abbesogne de esperienze», jndr'à 'u sienze ca 'na vote ca ce ète combrese 'a legge ca regole quidde fenomene, non ge occorre cchiù ripetere l'osservazzione; l'urtema veritate d'u fenomene ète raggiunde.
 
Le leggi che regolano la natura si esprimono mediante la matematica: «Nissuna umana investigazione si può dimandare vera scienza, s'essa non passa per le matematiche dimostrazioni», <ref>Trattato della pittura, I, 1</ref> restando fermo il principio per il quale «se tu dirai che le scienze, che principiano e finiscano nella mente, abbiano verità, questo non si concede, ma si niega, per molte ragioni; e prima, che in tali discorsi mentali non accade sperienza, senza la quale nulla dà di sé certezza». <ref>ibidem</ref>
Utende anonime