Leonardo da Vinci: Differenze 'mbrà revisiune

Copie de scritte de Leonardo sus 'a petture già giravene jndr'à 'u Cinghecinde: 'u Vasari referisce de 'n'anomine melanese ca le facìe vedè «alcuni scritti di Lionardo, pur di caratteri scritti con la mancina a rovescio, che trattano della pittura e de' modi del disegno e del colorire»; [[Bovegne Cellini]] tenève scritte de Leonardo sus 'a [[prospettive]]. Leonardo studiò pure pe prime in Europe 'a possibbeletà de proiettà immaggine da 'u vere sus a 'nu foglie addò putevane essere facilmende recopiate, cu 'a accussì dette [[camera oscure leonardiane]].
 
La'A pitturapetture, perpe Leonardo, èète scienzascienze, rappresentandorappresendanne «ala senso'u consienze piùcu veritàcchiù veritate e certezzacertezze le opere did'a naturanature», mentreinvece «le lettere rappresentanorappresendane concu piùcchiù veritàveritate le parole ala senso'u sienze». Ma, aggiunge Leonardo riprendendoreprennenne un'nu concettocongette aristotelicoaristoteliche, èète «piùcchiù mirabilemirabbele quellaquedda scienzascienze checa rappresentarappresende le opere dide naturanature, checa quellaquedde checa rappresentarappresende [...] le opere deglide uominile uemmene, com'ècumme laète 'a poesiapoesie, e similisimile, checa passanopassane perpa lalenga umana linguaumane». <ref>''TrattatoTrattate dellad'a pitturapetture'', I, 3</ref>
 
Fra le scienze la pittura «è la prima; questa non s'insegna a chi natura nol concede, come fan le matematiche, delle quali tanto ne piglia il discepolo, quanto il maestro gliene legge. Questa non si copia, come si fa le lettere [...] questa non s'impronta, come si fa la scultura [...] questa non fa infiniti figliuoli come fa i libri stampati; questa sola si resta nobile, questa sola onora il suo autore, e resta preziosa e unica, e non partorisce mai figliuoli uguali a sé». <ref>''Trattato della pittura'', I, 4</ref>Gli scrittori a torto non hanno considerato la pittura nel novero delle arti liberali, dal momento che essa non solo «alle opere di natura, ma ad infinite attende, che natura mai creò». E non è colpa della pittura se i pittori non hanno saputo mostrare la sua dignità di scienza, poiché essi non fanno professione di scienza e «perché la lor vita non basta ad intender quella».
Utende anonime